home

dott.ssa Giulia Mellacca

"Meditare con cura” è una frase che è apparsa nella mia mente durante la meditazione del mattino, nel mio primo ritiro con Mario Thanavaro, il mio Maestro di Dharma. Da allora queste tre parole non mi hanno più lasciata e nel corso del tempo hanno disegnato quello che è il lavoro che propongo ai miei pazienti.

In un’epoca in cui le parole “mindfulness” e “meditazione” sembrano essere diventate la panacea di tutti i mali, rischiando di diventare quello che Miles Neale (2012) ha chiamato “McMindfulness”, ho sentito il bisogno di chiarire il loro ruolo e il loro uso, mantenendo limpido il legame con la tradizione in cui sono nate.

Nel mio modo di lavorare la meditazione diventa sostegno alla psicoterapia e la psicoterapia è di sostegno alla meditazione. Entrambe queste vie di consapevolezza si completano e non fanno a meno l’una dell’altra.

Decidere di cominciare un percorso di Psicoterapia è una scelta importante, così come è importante decidere di intraprendere un percorso di Meditazione. Per quanto all’inizio questa scelta sia spesso determinata da una situazione di “emergenza”, nel corso del tempo non è inusuale che si comprenda che invece è proprio un percorso di trasformazione radicale del proprio modo di “stare nel mondo”.